Tag

Viaggi

Browsing

Chi vive in città lo sa bene: una breve fuga tra il cielo e il verde della natura è necessaria e non c’è niente di meglio che perdersi tra i borghi Dell’Umbria e della Toscana degustando ottimi vini e respirando aria pura!

Partiamo da Roma per raggiungere l’Umbria; prima tappa Poggiovalle un incantevole Country Resort di 10 km2 dove si possono incontrare animali selvatici come ricci, cinghiali oppure quelli che popolano la fattoria: mucche, asini, pecore e oche.

Poggiovalle Country House

Rientrare la sera alla propria dimora, andando piano con la macchina per la gioia di incontrare dei cinghiali o un riccio, non ha prezzo.

Cinghiale

Poggiovalle è composto da villini e casette in stile country e ogni mattina fuori dalla porta abbiamo trovato un cestino con pane appena sfornato e marmellate homemade semplicemente deliziose.

La tenuta si trova in Umbria ed è vicinissima a uno dei borghi più belli d’Italia: Città della Pieve, fatto di stradine e vicoletti strettissimi; il più romantico? Il famigerato Vicolo Baciadonne, così soprannominato per le sue dimensioni, è così stretto che possono starci due persone solo se strette mentre si baciano!
E dopo un giro per i suggestivi vicoletti, andate a cena “Da Silvana” atmosfera romantica caminetto e ottimi piatti della tradizione toscana sono sempre accompagnati dalla gentilezza dei proprietari. Vi dico solo che ci siamo tornati ben 2 volte in solo week end!

CHIUSI E CETONA

La linea di confine tra Umbria e Toscana è davvero invisibile, per cui a pochissima distanza da qui vale la pena di fare un salto nei paesini Toscani limitrofi: Chiusi e Cetona (Siena), due borghi davvero deliziosi; non a caso molti personaggi della politica e del jet set hanno comprato case nei dintorni.

Un ottimo posto dove bere dell’ottimo vino o comprare prodotti tipici della tradizione è l’enoteca “ La Solita Zuppa” affianco all’ottimo omonimo ristorante.

Cetona è un borgo medievale situato ai piedi dell’omonimo monte, si arriva in una grande bellissima piazza dalla quale si snodano stradine strette che portano fino alla Rocca su in alto.

MONTEPULCIANO

Non poteva mancare l’ultima tappa a Montepulciano città medievale di c.ca 14 mila abitanti che si raggiunge percorrendo le dolci colline della Val D’orcia ricoperte da sconfinati vigneti.
Passeggiare a piedi qui è meraviglioso; mentre cammini non sai dove guardare: strade e palazzi in pietra, enoteche e cantine che ti offrono il meglio dello street food più genuino del mondo: una fetta di fragrante pane toscano con l’olio extravergine autoctono buono come poche cose al mondo.
Arrivate fino a Piazza Grande, il cuore della città dove potrete salire su in cima al palazzo comunale e godere di una impareggiabile vista.
Percorrendo la strada principale a salire scoprirete sulla sinistra viottoli che portano a terrazze panoramiche mozzafiato specie al tramonto! Perché allora non perdersi in una delle antiche e stupende cantine, dove si scende quasi sottoterra per ammirare le enormi e maestose botti di vino, sentirne il profumo e naturalmente assaporarne anche un po’?
Tornerete a casa felici e frastornati!

 

 

A poche ore di volo dall’Italia si incontrano sapori, colori e suoni provenienti da tutto il mondo e si respira un’aria sempre nuova in continua evoluzione; sarà  per questo che Londra è una delle capitali più gettonate in Europa per trascorrere  un breve week end.

Ho scelto Covent Garden come base, posizione ideale oltre che bellissima per visitare a piedi il centro della città e raggiungere facilmente qualsiasi quartiere in metropolitana.

Covent Garden è curatissima, piena di negozi e deliziosi piccoli bar dove pranzare o prendere un caffè.

 

A pochi passi da qui,  Trafalgar Square,  la National Gallery per poter ammirare, assolutamente gratis capolavori di artisti del calibro di Michelangelo, Leonardo da Vinci e Rembrandt.
Restando nei dintorni, quale migliore occasione per perdersi tra le stradine di Soho e dare uno sguardo a Chinatown? 

MERCATI DELLA DOMENICA

Per chi ama i mercatini delle pulci o dell’artigianato non c’è che l’imbarazzo della scelta, i più significativi e caratteristici: Brick Lane, Old Spitalfields a pochi passi da Liverpool st Station; e Columbia Road Flower Market. Completamente diversa l’atmosfera qui a  Shoredich, il quartiere più trendy e alternativo del momento, gode di un fascino particolare, innovativo dove vecchio, nuovo ed etnie diverse  si incontrano e si fondono insieme dando vita a nuove idee e nuovissime esperienze. Se siete affamati ce n’è per tutti i gusti: dallo street food ai ristoranti multietnici.
E se siete amanti della vita notturna, questo è il quartiere ideale per voi. Lontano dagli stereotipi dei quartieri alti, Shoredich è il più cool, hipster e in voga del momento. La notte non c’è che l’imbarazzo della scelta: clubs dove fare mattina, pub con jam session live fino a tarda notte e bar speak easy per bere cocktail deliziosi.

ALFIE ANTIQUE MARKET

 Nel quartiere di Marylebone varcata la soglia della metropolitana, fermata Edgward Road penserete di aver sbagliato strada, se continuate a camminare lungo questa via non proprio entusiasmante, a pochi passi scorgerete davanti a voi un gioiello: Alfie Antique Market il più grande mercato chiuso dell’arredamento e del design che da oltre 40 anni attira collezionisti, intenditori, interior designers e chiunque voglia trovare un pezzo unico ed originale respirando l’atmosfera Bohemian che lo caratterizza.
E’ un paradiso per gli amanti del genere e la selezione accurata degli oggetti è davvero un piacere per gli occhi.
Concludete il giro salendo sul rooftop, troverete un bar dove pranzare o assaporare un delizione scone o un pezzo torta e scoprirete con piacere che il proprietario è italiano!

UNA NOTTE DI JAZZ AL RONNIE SCOTT

Come poteva finire la il mio week end se non in modo vintage? Niente di meglio del Ronnie Scott.Chi ama il Jazz non può fare a meno di venirci almeno una volta nella vita. In questo storico club hanno suonato  tutte le leggende che la storia ricordi e continuano a farlo proprio come allora.
L’atmosfera e lo stile sono quelli di un tempo e la line up è davvero sorprendente: basta dare un’occhiata al sito.

L’unica cosa, occorre prenotare in tempo per il main show (almeno 2-3 settimane prima) altrimenti si può sempre assistere last minute al late show il cui prezzo è notevolmente inferiore e vedere artisti di grande livello non ancora famosi.

Un serata indimenticabile, ospite d’onore  uno dei giganti del Jazz, nonché precursore del funk: Dr Lonnie Smith, il Re dell’Hammond in assoluto.
Nelle sue mani, l’Hammond B3, il più ricercato e difficile nel suo genere diventa uno strumento magico che rievoca tutti i suoni della natura.
A più di 70 anni il Dr Hammond non ha età,; la luce che brilla nei suoi occhi è la stessa che si può vedere solo negli occhi di un bambino e il  look gli conferisce un’aria mistica e charmant.

Quando suona, diventa tutt’uno con lo strumento e ipnotizza letteralmente il pubblico. Le sonorità e le note descrivono la vita e tutti gli stati d’animo, le stagioni e le emozioni. Come egli stesso dice:

When I play, I play life, nature wheater good or bad, happy or sad 

Sono ritornata in Italia con un baglio colmo di nuovi pensieri e ispirazioni.

Chi non ha mai sognato di andare a New York in vita sua? O se non altro curioso di andarci? Inutile dire che la grande mela è magnetica, vibrante e piena di energia. Ogni luogo e angolo di strada possiedono una loro propria magia e peculiaritàImpossibile vedere tutto in sole due settimane, che sono però sono sufficienti per avere almeno un’idea del suo fascino. Andando per la prima volta si può cadere nella banalità di percorrere i classici itinerari turistici e trascurare posti dove si vive davvero lo spirito di New York. Nessun vero amante di NYC vorrebbe vivere la città da turista, nemmeno per pochi giorni. Mini guida per curiosi appassionati amanti della grande mela dal brunch allo shopping. Seguitemi e non ve ne pentirete.

MarykateBOX_Piazza di Spagna
>> Occhiali Montature Vintage | >> Segui su Facebook

Chiunque visiti Roma per la prima volta non può non trascorrere un po’ di tempo a Piazza di Spagna. La magia dell’eternità è nell’aria e scendere la sua scalinata vi riporterà indietro al tempo dell’indimenticabile “Vacanze Romane” facendovi sentire come Audrey Hepburn, a casa ma in vacanza.

E’ proprio questa la sensazione che si ha nella città eterna, in particolar modo qui, nel suo cuore. Roma ha un’aria familiare, è proprio questo il fascino della sua eternità, è familiare, ti fa sentire a casa anche se sei uno straniero, un turista per caso. E’ immensa ma accogliente e ha la dimensione di un borgo, proprio per la varietà  e quantità dei suoi quartieri.

Forse non si respirerà quell’atmosfera tipica delle metropoli Internazionali, non sarà certo la capitale dell’economia come Milano ma ti fa sentire a casa e tutto ciò che è immenso ti sembrerà piccolo a tua dimensione.

Scendendo dalla scalinata e proseguendo a destra vi troverete su via del Babuino, che vi porterà dritti a Piazza del Popolo. Prima di arrivare li’ però svoltate appena su una delle stradine a destra e perdetevi per Via Margutta e i suoi vicoli.

La via degli artisti: costellata di botteghe di artisti e ristorantini tipici. Una vera e propria galleria d’arte a cielo aperto.

Le foglie d’autunno rosse e gialle rendono  ancora più speciali le strade storiche della città eterna.

Perdetevici dentro e respirerete il fascino dell’eternità. 🙂

 

A poco più di mezz’ora di auto da Roma, potrete raggiungere il comune di Tivoli e visitare uno dei grandi capolavori del Rinascimento italiano, nonché patrimonio dell’UNESCO: Villa d’Este.

Magnifica anche all’interno, dove si può ammirare un intero piano le cui pareti sono state finemente decorate da un gruppo di artisti, la vera anima e principale attrazione di Villa d’Este è il giardino e in particolare le sue lussureggianti fontane.

Tutte le fontane erano alimentate senza uso di alcun congegno meccanico, ma soltanto sfruttando la pressione naturale e il principio dei vasi comunicanti. Il risultato è solo in parte visibile ai giorni nostri, e i numeri sono sorprendenti: 35.000 m2 complessivi di giardini, 250 zampilli, 60 polle d’acqua, 255 cascate, 100 vasche, 50 fontane, 20 esedre e terrazze, 300 paratoie, 30.000 piante a rotazione stagionale, 150 piante secolari ad alto fusto, 15.000 piante ed alberi ornamentali perenni, 9.000 m2 di viali, vialetti e rampe.


Questo giardino fiabesco è frutto del genio e dell’estro di Pietro Liborio (1513-1583) – architetto, pittore e antiquario.
Passeggiare per i viali di questo incanto è come essere di colpo catapultati in una favola, nella quale, elfi fate e folletti potrebbero sbucare da un momento all’altro, dietro le cascate della fontana di Nettuno o prendere vita da una delle “Cento Fontane”

Dedicate una visita alla Villa preferibilmente in una bella giornata di sole, la sensazione di bellezza e magnificenza vi resteranno nella testa per un bel po’ di tempo. 🙂