Tag

DIY

Browsing

Quante volte ti capita di stare in crisi davanti al tuo armadio con  un’infinità di vestiti e accessori e  quella sgradevole sensazione di non avere niente da mettere? Il solo sentire nominare il cambio di stagione ti sembra un incubo che di volta in volta ti obbliga a far migrare pile di indumenti che non indossi da secoli da una parte all’altra?
Allora questo articolo fa al caso tuo! 

Per organizzare una volta e per sempre il mio guardaroba, in modo intelligente, parto dalla regola dei capi basici e naturalmente dall’ordine.Questo è il primo di una serie di articoli dedicati a semplificarti la vita e costruire il tuo personalissimo stile.
Per questo organizzare l’armadio in modo strategico è il primo fondamentale passaggio.

A COSA SERVE?
Prima di tutto a renderti davvero conto di cosa c’è nel tuo guardaroba, Secondo a evitare futuri errori di shopping per evitare di comprare sempre le stesse cose e non incorrere nel classico errore di non possedere i cosiddetti capi- basici o Key pieces che ti svoltano la vita!


RE- STYLING, RIORDINO, ORGANIZZAZIONE;  insomma il modo migliore  per facilitarti la vita la mattina appena sveglia e non temere mai più di chiederti:  -Che cosa mi metto oggi? –

5 STEP PER ORGANIZZARE IL PROPRIO ARMADIO

Idee Cabina armadio

Per renderti più semplice e divertente il processo e perfetto il risultato, ho riassunto il tutto in 5 passaggi fondamentali che richiedono almeno una mattinata di lavoro (ne vale la pena, credimi) La domenica oppure un giorno libero.

1 SVUOTA TUTTO (tira fuori ogni cosa all’interno dell’armadio)

2 PROVA TUTTO (davanti allo specchio)

3 FATTI DELLE DOMANDE (quando è stata l’ultima volta che l’ho indossato?/mi sta bene? è in buone condizioni?)

4 TENERE/DARE VIA (vendere, riadattare, donare)

5 FAI UNA LISTA (di tutto ciò che tieni, ti sarà utilissima!)

                                                         ~
                                                                                

 Togli tutto fuori dall’armadio (intendo anche scarpe, borse, accessori) e incomincia a provare i capi davanti a uno specchio ed essere totalmente oggettiva.(fallo con un’amica oppure chiamami!)
A questo proposito è necessario  porsi le seguenti domande.

  •  Quando è stata l’ultima volta che l’ho indossato?
    Se l’ultima volta risale ai tempi del liceo, è ora di liberarsi di quell’oggetto a meno che non sia un pezzo vintage particolarmente significativo o prezioso altrimenti rischiate di ritrovarvi negli anni sommerse da cose che riducono il vostro spazio vitale sempre di più e che offuscano di conseguenza la vostra mente!
  • E’ in buone condizioni o è usurato/rovinato? Si può riparare o riadattare?
    Getta via soltanto ciò che è davvero liso, usurato, scolorito ed irreparabile. Tutto quello  che invece  ha soltanto bisogno di una riparazione o di modifiche, puoi portarlo dalla tua sarta di fiducia o farlo tu stessa se sei brava a cucire.
    Ci sono moltissimi modi per trasformare un abito o un accessorio: cambiare la scollatura a un vecchio vestito oppure trasformare un foulard in un top o ancora rivestire cerchietti ed elastici con vecchi pezzi di stoffa (molto di tendenza adesso
  • Mi sta davvero bene, ovvero, mi sento a mio agio?

    Tenere un oggetto che non ci calza a pennello o che non ci fa sentire a nostro agio mentre lo indossiamo serve soltanto a creare disagio psicologico e logistico, per cui è ora di liberarsi di tutto ciò che è della taglia sbagliata o di un colore inadatto.

 

Dopo aver risposto onestamente a tutte quelle domande è il momento di fare 2 mucchi:

 

 DividI i capi in 2 pile: quello che terrete e quello che andrà via.

Dopo aver selezionato le cose da riparare o riadattare, puoi avvalerti delle innumerevoli app e portali online dove vendere i tuoi oggetti: è semplicissimo.In alternativa considera l’idea di donare(ci sono moltissime associazioni a cui rivolgersi) o regalare ad amici/parenti/conoscenti etc.

 

Infine, fai una lista di tutto ciò che possiedi. L’obiettivo finale è quello di creare un guardaroba funzionale*composto da pezzi che realmente ti piacciono adatti a un’infinità di outfit differenti. 

Lista contenuto armadio

*più avanti se ti interessa dedicherò un articolo a come creare un guardaroba a capsule ovvero diviso per esigenza e ore del giorno. 

Perchè saper organizzare l’armadio è cosi importante? 

  1. Perchè è la base per definire il proprio stile ed avere un guardaroba funzionale e chic!
  2. Serve risparmiare tempo:non ti troverete più con l’armadio sovraffollato e niente da mettere, un notevole guadagno di preziosi minuti persi a cercare abbinamenti e soluzioni per vestirsi la mattina. 
  3. Terzo:avere chiaro quello che hai, ti aiuterà  a  risparmiare denaro spesso sperperato in acquisti senza criterio dettati da momenti di shopping compulsivo e non necessario, specialmente nel periodo dei saldi.

    Wardrobe Must- have

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi approfondire l’argomento e definire il tuo stile, sono a tua completa disposizione per rispondere a domande e curiosità o aiutarti a riorganizzare il tuo armadio! 😉

 

Che cosa c’è nel mio beauty case quando sono in viaggio? Ci tenevo a fare questo articolo principalmente perché mi rendo conto di quanto spazio in più possano occupare trucchi e belletti e inoltre di quante cose in realtà si siano rivelate davvero indispensabili, cose che normalmente non ci si aspetta ma che di cui non faccio più a meno nemmeno in viaggio.

//01. Fate una lista

Fare l’elenco dei vostri beauty must have vi aiuterà ad organizzare le idee. Cominciate dalle cose che rientrano nella vostra routine quotidiana, delle quali non fareste mai a meno.

//02. Igiene viso

Iniziate dallo spazzolino e dal dentifricio a meno che non vogliate comprarlo sul posto. A seguire un detergente viso delicato. Cosa uso io? Forse non mi crederete ma appena arrivo in un paese nuovo mi compro una scatola di bicarbonato che faccio sciogliere in po’ d’acqua e con una goccia di olio essenziale di lavanda ho creato il mio detergente viso preferito. Il tonico? Compro una bottiglia di aceto di mele biologico, ne metto qualche goccia su un dischetto di cotone bagnato in acqua e voilà.
E come struccante? L’insostituibile olio di cocco, multitasker per eccellenza: strucca, idrata e lenisce, per non menzionare le sue innumerevoli qualità che presto vi elencherò soffermandomi dettagliatamente su cosa potete fare e come potete usare l’olio di cocco.

La mia crema idratante preferita non manca mai ma cambia in base alla stagione e alle esigenze della pelle. E’ rigorosamente biologica e formulata con ingredienti dermocompatibili.
Se non volete usare il bicarbonato, qui trovate la mia beauty routine quotidiana con alcuni dei miei prodotti preferiti.

//03. Igiene corpo

Anche qui uso il bicarbonato come detergente intimo ma porto con me delle mini taglie di tutti i miei crema corpo, bagnoschiuma, shampoo e balsami preferiti.

//04. Make Up

Sono anni ormai che ho optato per trucchi biodermocompatibili che rispettano l’ambiente e la pelle e che siano privi di sostanze dannose che possono ostruire i pori non lasciando respirare la pelle come dovrebbe e devo dire i risultati sono sorprendenti.

Non manca mai un cerchietto, una pinzetta per sopracciglia, elastici trasparenti e alcuni ferrettini.

Tre matite per me universali? Una labbra neutra, una rossa e un kajal nero per gli occhi.

Mascara immancabile insieme a  una terra compatta mat o un blush  vagamente iridescente che dona al viso un’aria sana e radiosa.

Polvere matte compatta al posto del fondotinta e la naked basic Urban Decay perfetta per ogni occasione.

– Oli essenziali (perfetti anche in viaggio)

Tea tree oil,  lavanda e rosmarino li porto sempre con me e ne aggiungo poche gocce ai miei cosmetici preferiti:shampoo, creme e detergenti.

Il Tea Tree aggiunto al bicarbonato, e al  detergente  svolge una potente azione antibatterica, può essere anche applicato localmente su brufoli o punture di insetto.

La lavanda è lenitiva, rilassante, concilia il sonno e mi piace unita al detergente viso o alla crema idratante o qualsiasi altro cosmetico.

 

Il Rosmarino è immancabile per i capelli, nello shampoo o nel balsamo conferisce luminosità e forza alla chioma. Alcune gocce nell’acqua dell’ultimo risciacquo insieme all’aceto di mele fa splendere la chioma!