Category

Moda

Category

Quante scarpe avete nel vostro armadio?
Io veramente troppe ma un paio di stivaletti rossi
ancora non c’erano! Ed eccoli qui, li indosso in questo servizio per annunciarvi con tutta la passione e la carica di questo colore che sono tornata e ho intenzione di fare tanta strada con i miei stivaletti rossi!

Nonostante non passino inosservati non posso fare a meno di metterli spesso.
Primo perché sono comodissime,  poi stanno bene con tutto, hanno una forma accattivante e perfino un bel nome: Olivia che rimanda a tante donne che sono diventate icone e non possono essere dimenticate: Olivia di Popeye, Olivia Newton John, Olivia Palermo.
Non so a chi  si sia ispirata Vagabond per questo modello, fatto sta che me ne sono innamorata.

SCARPE SPECIALI, POSTO SPECIALE

In queste foto mi trovo in un posto davvero unico e speciale che ho pensato di condividere con voi, se mai capiterete da quelle parti andate a visitarlo.
E’ il giardino botanico della cittadina dove sono cresciuta (Soverato).

Perchè è così speciale?

E’ in alto, ricco di piante di ogni specie, domina tutta la costa e da lassù una luce perfetta rende i colori ancora più brillanti, e da angolo di questo giardino incantato si gode di un panorama mozzafiato dove l’azzurro e il verde fanno da padroni.

Amo tornare in questo posto per catturarne quell’atmosfera eterna, fuori dal tempo e dallo spazio che solo la natura è capace di farti respirare.

Così come eterna è la Chanel 2.55 perfetta con tutto il resto che insieme al baschetto riconduce spudoratamente a allo stile parigino.
* Sapevate che il Basco nasce come abbigliamento militare? E’ carico di significati, non a caso è stato da sempre  portato da artisti e rivoluzionari; per citarne alcuni:  Picasso, Che Guevara, Hemingway, Faye Dunaway e Lady Diana, da decine di famosi e centinaia di migliaia di collegiali e operai.
Le ragazze di Parigi lo chiamano berèt ma è ormai diventato un classico irrinunciabile del guardaroba invernale.

Ha ormai perso il suo originario significato socio-politico per essere eletto a simbolo modaiolo e oggetto del desiderio di schiere di fashion addicted di tutto il mondo.

Vi è piaciuto questo articolo?
Se avete curiosità o volete semplicemente scambiare idee scriveteci!

Statement boots rossi e basco

Cosa c’è di più versatile dei jeans? Uno scamiciato di jeans nero! Si abbina con tutto e ti fa sentire a tuo agio in ogni occasione!

Questa volta  lo indosso con una camicia color senape e il caso ha voluto che per strada ci fosse una vecchia vespa dello stesso colore! E’ proprio vero che con i nostri pensieri siamo capaci di attirare le situazioni e le cose che vogliamo! Non ci credete: provate!

A me basta passeggiare per il quartiere Coppedè per sentire la magia nell’aria fresca della primavera!

 


Denim Dress – Top Shop

Camicia senape – ASOS

Foulard – Vintage

Borsa – Vintage

Hair – Aulo Cacciatore

Con gran piacere vi presento FENZ che nasce a Riva del Garda dalla creatività di due amici la cui filosofia eco friendly all’insegna della gioia di vivere e l’amore per la natura e la vita all’aria aperta ha dato origine a questo brand che non trascura eleganza e ricerca dei particolari.


I prodotti FENZ sono realizzati con materiali naturali come legno, sughero e carta  in collaborazione con aziende attive nel sociale e piccoli artigiani del nord Italia.

Gli occhiali FENZ sono stati creati pensando a tutti: adulti, bambini e sportivi. E’ proprio per questo che appena li indossi ti sembra di averli sempre avuti: sono comodissimi, leggeri e versatili.
Le proporzioni dei modelli sono così ben studiate che stanno benissimo su tutti i visi.



Indossandoli vieni travolto da una ventata di freschezza e allegria, se siete a Roma e dintorni, troverete FENZ Sabato e Domenica 13 e 14 Maggio al Kite Expo alla Rambla di Maccarese dove potrete provare e scoprire la nuova collezione!

A volte non è necessario andare dall’altra parte del mondo per scoprire posti magici e meravigliosi, chi vive a Roma sa che ogni angolo della città eterna è magico e romantico, come il quartiere dove ho trascorso metà della mia vita: Corso Trieste.

Complici una giornata dalle luci perfette, un vecchio maggiolone,  un vestito a fiori e dei libri sparsi per le strada da chissà chi, hanno reso magica una domenica qualunque.

Se capitate da queste parti fate due passi tra Villa Paganini e piazza Caprera, l’angolo più antico e suggestivo di Corso Trieste.



WEARING —–> Vestito lungo a fiori: ZARA | Stivaletti – BUFFALO | Cintura: Vintage | Denim Jacket- ACNE | Occhiali da sole tondi: DAVID MARC | Cappello Vintage | Calze a rete: Calzedonia

Amate il french touch e siete perennemente alla ricerca di nomi meno noti e capi super cool per arricchire il vostro guardaroba? Ecco a voi i 10 brand francesi da tenere d’occhio che potete acquistare online anche su siti come Asos o Zalando.

 

BA&SH

Nasce dalla creatività di Barbara Baccara e Sharon Krief che hanno creato uno stile classico e contemporaneo che esalta la femminilità e accarezza la sihoutte con tessuti leggeri e scivolati, fantasie floreali di gusto boho-chic mettibili in ogni occasione. La semplicità e l’eleganza non ostentata vi conquisterà.

E-commerce francesi - Ba&Sh

IKKS

Se amate i capi basici e i materiali ricercati questo è il brand che fa per voi: bellissime le giacche di pelle che cadono bene addosso cosi’ come bombers e blazers.
Linee pulite ed eleganza metropolitana sono il loro punto forte.

E-commerce francesi_IKKS

SUNCOO

La tendenza che strizza l’occhio al gusto Vintage è la carta vincente del marchio che offre abiti dall’inconfondibile gusto francese che sanno essere trendy senza mai rinunciare ad eleganza e raffinatezza.
E-commerce francesi - Suncoo

MAISON KITSUNE’

Già in vendita  nello storico negozio parigino Colette, molto tempo prima di diventare quello che è oggi, un marchio di tutto rispetto nel panorama della moda.
Nasce come etichetta discografica per poi diventare un amatissimo brand ormai noto per il suo street style divertente di ispirazione nipponico-francese.

E-commerce francesi - Maison Kitsuné

ROUJE

Altro non è che l’estensione dello stile dell’attrice/modella/it girl parigina Janne Damas, eletta a ultima erede di Jane Birkin.
Un eleganza che richiama inevitabilmente i 70’:vita alta, camicie morbide, blazers, scarpe tacco medio. Irrinunciabile per gli amanti del genere.

MARIE MAROT

Le camicie sono il vostro passe par tout? Loro sono specializzati. La preziosità dei materiali e il taglio ne giustificano il prezzo.

E-commerce francesi - Marie Marot

1951 MAISON FRANCAISE

A chi non è capitato di cercare disperatamente una pochette per un’occasione speciale, che fosse semplice ma di grande effetto e della giusta dimensione? Da Maison Francaise avreste sicuramente avuto l’imbarazzo della scelta!

Ce ne sono per tutti i gusti e per tutte le tasche, declinate in ogni colore e materiale.
E-commerce francesi - Maison française

DES PETITE HAUTS

Tradotto significa: Alcuni piccoli top. E di piccoli top ne hanno davvero tanti e tutti curati nei minimi dettagli e realizzate con materiali di prima qualità. I loro cardigan sono insuperabili.

Troverete anche deliziose borse e accessori finemente decorate. Naturalmente potete comprare online sul sito ma se capitate a Parigi vale la pena di visitare la boutique di rue Beaurepaire.

E-commerce francesi - Des Petits Hauts

SEZANE

L’unico Brand francese che vende esclusivamente online e la Capsule Collection che viene lanciata mensilmente va letteralmente a ruba! Date un’occhiata al loro account Instagram e capirete il perché.
E-commerce francesi - SEZANE

SUD EXPRESS

Uno dei più economici della lista che vi accoglie sul sito a suon di una soave bossanova.

Il brand è ormai un  classico che veste le ragazze francesi  con pezzi basici, comodi adatti alla vita quotidiana, arricchiti di dettagli e particolari.

E-commerce francesi - Sud express

Tornando  indietro in un tempo molto lontano…

Gli indiani d’America,  fasciandosi i piedi con pezzi di pellame, hanno dato vita  senza saperlo a quelli che potrebbero essere l’archetipo dei mocassini; i cosiddetti Loafers che in inglese significa anche scansafatiche.
Bisogna arrivare agli anni i 30 per trovare un’azienda americana che assemblando idee multietniche lancia quella che poi è rimasta la forma classica del mocassino con la mascherina a forma di labbra che rimane invariata negli anni.

I critici di moda a quel tempo ne sconsigliano l’uso perchè definiscono i loafers poco eleganti.

E’ grazie a Fred Astaire noto ballerino degli anni 40 che i mocassini iniziano a diventare un’icona di stile; lui li indossava anche con il frac quando ballava il tip tap.

Ed ecco che si diffonde una loafer mania tra gli studenti universitari che iniziano a indossare i mocassini inserendoci un penny nella mascherina davanti,che li fa diventare  “Penny Loafers”.

Siamo nel 2017 e ora più che mai impazza la loafers mania in mille varianti.

Stanno bene davvero con tutto e sono comodi; qui li vedete abbinati in modo meno usuale con i jeans strappati e i calzini a rete che li fanno risaltare ancora di più. 

Famosissimi quelli di Gucci sono diventati un must have in versione classica, pantofola, tacco e stivaletto.

E voi che cosa ne pensate dei mocassini?


Mocassini ALDO

BORSA GUCCI vintage 

CAPPOTTINO ZARA
Il fascino intramontabile dei mocassiniIl fascino intramontabile dei mocassini

Ecco alcuni siti dove è possibile acquistare i mocassini:

 

Le donne pensano a tutti i colori tranne all’assenza di colore. Il nero li possiede tutti. Il bianco anche. La loro bellezza è assoluta. E’ l’armonia perfetta.”

Coco Chanel la pensava così e io sono pienamente d’accordo a proposito del fascino e del potere magnetico del bianco e nero.

I colori sono meravigliosi ma a volte non c’è nulla di più adatto del semplice bianco e nero, non so perché ma quando mi vesto con questi due non colori ho la sensazione di chiarirmi le idee, è come se mi servissero per passare da una stagione all’altra, in un periodo di mezzo.
Outfit bianco e nero_Marykate Box
È come se ti facessero sentire a tuo agio in qualsiasi situazione, come in questo caso: una domenica qualunque che diventa speciale perché sta finendo l’inverno e un sole eccezionalmente caldo preannuncia la primavera.

A ispirarmi questo look è stata questa cintura con lacci che tanto ricorda un corsetto (se ne preannuncia una stagione piena) un pezzo super versatile che sto usando in tanti modi anche su un paio di jeans e una t-shirt.
Outfit bianco e nero_Marykate Box

Come potevo non pensare a Madame Chanel allora? Ecco qui una 2.55 Vintage degli anni 80 che per me è speciale per più motivi: è andata 7 volte a New York e me l’ha regalata il mio fidanzato! 🙂
Outfit bianco e nero_Marykate Box
Anche la camicia bianca di seta è vintage dello stesso periodo, l’ho trovata per caso in un negozio dell’usato a via del Governo Vecchio.
Outfit bianco e nero_Marykate Box
Mi diverto a rovistare nei mercatini e nei negozi vintage e abbinare pezzi che hanno avuto una storia con cose totalmente nuove, mi dà l’idea che porti fortuna avere sempre qualcosa di vecchio con sé. Sarà vero? 🙂

 

Borsa: Chanel 2.55 Vintage
Camicia: Vintage
Cintura corsetto: Zara
Shorts: MiuMiu
Scarpe: Buffalo
Cappotto: Marvin Browne 

 

La cornice che fa da sfondo è il suggestivo quartiere Coppedè, a due passi dallo storico “Piper Club“, situato tra Corso Trieste e i Parioli; deve il suo nome all’omonimo architetto che lo progettò.


Il quartiere Coppedè, prende il nome dal suo ideatore: l’architetto Gino Coppedè che lo ha costruito tra il 1913 e il 1926;  è un angolo di Roma fuori dal tempo e dallo spazio, il cui miscuglio di arte e stili diversi gli conferiscono un’aria fantastica, non a caso proprio qui hanno girato vari film e i Beatles dopo un’esibizione al Piper negli anni 60 hanno fatto il bagno nella suggestiva fontana della piazza principale.
Poco frequentato e conosciuto dai turisti, dal momento che si trova in una zona prettamente residenziale di Roma, sebbene vicinissimo a Villa Borghese e al centro storico, è assolutamente uno dei posti più particolari e suggestivi della capitale.
Questo insolito mix di Liberty, art decò, accenni ad arte greca, gotica e addirittura barocca dei primi 900′ si concentra attorno a Piazza Mincio, la cui protagonista è la fontana delle rane: 12 rane sorvegliano da qui il crocevia di strade sulle quali troneggiano imponenti e bizzarri palazzi e alcuni villini fiabeschi; per la precisione 26 palazzine e 17 villini .
Accedendovi da Via Tagliamento (la via del Piper) a rendere l’ingresso solenne, troverete un arco che unisce due palazzi dal quale pende un enorme lampadario in ferro battuto.

Il fascino maestoso e magico di questo posto non smette di incantare turisti, passanti curiosi e  gli stessi cittadini che ci vivono da anni, me compresa e ogni volta non  è mai uguale: inquietante e spettrale in una grigia giornata d’inverno, sognante e fiabesco quando il sole splende e le rane fanno capolino dalla loro fontana salutandoti.

Giacca: Zara 
Jeans a vita alta: Cheap Monday
Borsa: Vintage

MarykateBOX_Piazza di Spagna
>> Occhiali Montature Vintage | >> Segui su Facebook

Chiunque visiti Roma per la prima volta non può non trascorrere un po’ di tempo a Piazza di Spagna. La magia dell’eternità è nell’aria e scendere la sua scalinata vi riporterà indietro al tempo dell’indimenticabile “Vacanze Romane” facendovi sentire come Audrey Hepburn, a casa ma in vacanza.

E’ proprio questa la sensazione che si ha nella città eterna, in particolar modo qui, nel suo cuore. Roma ha un’aria familiare, è proprio questo il fascino della sua eternità, è familiare, ti fa sentire a casa anche se sei uno straniero, un turista per caso. E’ immensa ma accogliente e ha la dimensione di un borgo, proprio per la varietà  e quantità dei suoi quartieri.

Forse non si respirerà quell’atmosfera tipica delle metropoli Internazionali, non sarà certo la capitale dell’economia come Milano ma ti fa sentire a casa e tutto ciò che è immenso ti sembrerà piccolo a tua dimensione.

Scendendo dalla scalinata e proseguendo a destra vi troverete su via del Babuino, che vi porterà dritti a Piazza del Popolo. Prima di arrivare li’ però svoltate appena su una delle stradine a destra e perdetevi per Via Margutta e i suoi vicoli.

La via degli artisti: costellata di botteghe di artisti e ristorantini tipici. Una vera e propria galleria d’arte a cielo aperto.

Le foglie d’autunno rosse e gialle rendono  ancora più speciali le strade storiche della città eterna.

Perdetevici dentro e respirerete il fascino dell’eternità. 🙂