A poco più di mezz’ora di auto da Roma, potrete raggiungere il comune di Tivoli e visitare uno dei grandi capolavori del Rinascimento italiano, nonché patrimonio dell’UNESCO: Villa d’Este.

Magnifica anche all’interno, dove si può ammirare un intero piano le cui pareti sono state finemente decorate da un gruppo di artisti, la vera anima e principale attrazione di Villa d’Este è il giardino e in particolare le sue lussureggianti fontane.

Tutte le fontane erano alimentate senza uso di alcun congegno meccanico, ma soltanto sfruttando la pressione naturale e il principio dei vasi comunicanti. Il risultato è solo in parte visibile ai giorni nostri, e i numeri sono sorprendenti: 35.000 m2 complessivi di giardini, 250 zampilli, 60 polle d’acqua, 255 cascate, 100 vasche, 50 fontane, 20 esedre e terrazze, 300 paratoie, 30.000 piante a rotazione stagionale, 150 piante secolari ad alto fusto, 15.000 piante ed alberi ornamentali perenni, 9.000 m2 di viali, vialetti e rampe.


Questo giardino fiabesco è frutto del genio e dell’estro di Pietro Liborio (1513-1583) – architetto, pittore e antiquario.
Passeggiare per i viali di questo incanto è come essere di colpo catapultati in una favola, nella quale, elfi fate e folletti potrebbero sbucare da un momento all’altro, dietro le cascate della fontana di Nettuno o prendere vita da una delle “Cento Fontane”

Dedicate una visita alla Villa preferibilmente in una bella giornata di sole, la sensazione di bellezza e magnificenza vi resteranno nella testa per un bel po’ di tempo. 🙂

Author

Write A Comment